Archive for marzo, 2011

Collesi-Bini a Vinitaly

mappa padiglioni

Collesi-Bini è nel Padiglione C a Vinitaly

La Collesi-Bini anche quest’anno sarà a Vinitaly e vi terremo aggiornati con un diario quotidiano delle nostre giornate veronesi e di quanto di buono vedremo, sentiremo, compresa naturalmente la nostra linea di birre artigianali ImperAle ma anche delle grappe Collesi.

Potrete incontrarci alla Fiera di Verona dal 7 all’11 aprile presso il Padiglione Sol-Agrifoof – esattamente il Padiglione C, stand 27 – il padiglione delle eccellenze alimentari. Siamo proprio di fronte alla Piazza delle degustazioni e quindi non potete sbagliarvi!

Un bicchiere di birra o un sorso di grappa non sarà negato a nessuno, quindi l’invito è aperto per tutti gli amanti delle cose buone e di qualità.

ImperAle per il Giappone

La Fabbrica de La Birra Tenute Collesi, Giuseppe Collesi e Roberto Bini, per quanto è possibile sono vicini alla popolazione del Giappone così duramente colpita in questi giorni, prima dallo Tsunami che ha cancellato intere città, e poi dalla minaccia nucleare che tanta preoccupazione ha destato nella popolazione giapponese e non solo.

Piena solidarietà, dunque, per un popolo che tanto ha sofferto e che, ne siamo certi, saprà reagire con grande forza e dignità, qualità che da sempre lo contraddistinguono.

Superlativa Ubi

La birra rossa Ubi

La birra ImperAle Collesi, prodotta ad Apecchio, è volata alla conquista del mondo. E ha già iniziato la sua conquista con i primi risultati di prestigio: non solo nell’apprezzamento dei consumatori ma anche da parte dei giurati di uno dei più importanti test di valutazione degli Stati Uniti, il World Beer Championship di Chicago, organizzato dal Beverage Testing Institute. Nell’edizione 2010 – ma i test di assaggio sono effettuati in gennaio – la birra ImperAle, creata presso la Fabbrica della Birra Tenute Collesi di Apecchio, ha conquistato una medaglia d’oro e quattro d’argento. La birra rossa Ubi ha riportato una valutazione eccezionale, 92 su 100 ed è stata qualificata dai sei giudici Outstanding, ovvero Superlativa, seconda birra italiana nella storia. Altre quattro birre della Fabbrica della Birra Tenute Collesi – ovvero le due bionde, Ego e Alter, la nera Maior e l’ambrata Fiat Lux – sono invece state classificate come Hightly Recommended, altamente raccomandate ed hanno ottenuto punteggi che variano tra gli 88 e gli 89 punti. «Siamo davvero orgogliosi per i risultati raggiunti dalle nostre birre – dicono Roberto Bini e Giuseppe Collesi, della Collesi-Bini che commercializza la birra ImperAle – soprattutto in una nazione come gli Stati Uniti che hanno mostrato di apprezzare molto i nostri prodotti e che stanno diventando una nazione piuttosto importante per l’esportazione della birra ImperAle. Le valutazioni raggiunte e le medaglie conquistate premiano anche il lavoro dell’azienda e le Marche come regione, visto che la nostra birra è praticamente a chilometri zero con l’acqua del Monte Nerone, l’orzo delle Tenute Collesi, trasformato in malto dal nostro maltificio regionale».

Il World Beer Championships è una competizione annuale tra produttori di birra organizzata dal BTI, il Beverage Testing Institute, di Chicago una società indipendente specializzata nel giudicare gli alcolici tanto da organizzare anche il World Wine Championships, il campionato del mondo per i vini. L’unica condizione che il BTI richiede per partecipare al concorso è quella di produrre almeno 100 barili di birra all’anno, ampiamente superati dalla Fabbrica della Birra di Apecchio che pure produce birra in maniera artigianale, con un’attenzione maniacale ai dettagli ed alla qualità espressa.

Per chi volesse conoscere esattamente il risultato della degustazione della birra Ubi – Rossa sul mercato Usa – ecco il link alla pagina del sito di proprietà della BTI. http://www.tastings.com/scout_beer.lasso?id=193805